Rock'n Roll Site!!!!!!

Mejo semo che EMO!!!!!
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 STORIA DI BURZUM

Andare in basso 
AutoreMessaggio
soli



Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 15.10.08
Località : patagonia

MessaggioTitolo: STORIA DI BURZUM   Gio Ott 16, 2008 7:40 pm

VI PRESENTO MR. BURZUUUUUUUUMMMMMMM

I primi anni
Kristian Vikernes nasce l'11 febbraio 1973 a Bergen, sulla costa atlantica della Norvegia, secondo figlio di Lars Vikernes, ingegnere elettronico e Lene Bore; trascorre un'infanzia normale inframmezzata da una breve parentesi irachena, dove il padre si reca a lavorare per un anno per il locale governo portandosi dietro la famiglia. In un'intervista Vikernes ha smentito le voci riguardo a maltrattamenti subiti da piccolo dal padre, asserendo che i rapporti col genitore, sebbene egli fosse una persona autoritaria, sono sempre stati normali e proseguono tuttora durante la sua detenzione.

Durante l'adolescenza intraprende la lettura dell'opera Il Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien, che lo influenzerà molto nella sua futura produzione musicale (il nome Burzum, infatti, non è altro che il termine "oscurità" nel linguaggio nero usato dagli adepti di Sauron), oltre che nel suo immaginario personale; infatti Kristian, nonostante le molte amicizie, preferisce la solitudine andando a passeggiare nei boschi vicino casa, fuori Bergen, che la sua immaginazione provvede a popolare di orchi, troll e altre creature tipiche del folklore scandinavo come dell'universo tolkeniano.


Sempre durante l'adolescenza i suoi genitori si separarono, evento che non lo sconvolse più di tanto in quanto i rapporti tra i coniugi erano divenuti sempre più tesi; la circostanza strinse maggiormente il legame con la madre e il fratello. È proprio suo fratello a trasmettergli la passione per J.R.R. Tolkien oltre a quella decisamente più prosaica delle armi; infatti il fratello (a quei tempi uno skinhead) spesso lo porta nei boschi a sparare con la pistola.mmmmm bello eeee???
leggete ancora!!

L'inizio musicale
Fu proprio il desiderio di tradurre in musica l'immaginario tolkeniano che spinse Kristian a creare un gruppo, dapprima chiamato Kalashnikov e poi rinominato Uruk-Hai (dal nome della particolare razza di goblin che erano agli ordini di Saruman) che saranno l'embrione dei Burzum. Gli ascolti di Kristian vertevano soprattutto sul thrash e sul death metal e logicamente ne influenzavano la musica analogamente a quanto era accaduto ai conterranei Mayhem. La sua natura eclettica si esplicitava anche negli ascolti musicali, infatti Kristian oltre ai generi sopracitati, ascoltava anche musica classica, folk e techno

A differenza dei Burzum gli Uruk-Hai non erano una one-man band: assieme a Kristian (che era alla chitarra) suonavano due ragazzi che però, diversamente da lui, consideravano la musica come un fine per far colpo sulle ragazze (come la band di toddy)e tecnicamente erano molto scarsi (come bertola); l'incontro con gli Old Funeral (nel 1989), un gruppo dedito a un death metal d'oltreoceano (allora la scena statunitense faceva da modello con gruppi come i Morbid Angel) lo convinse a porre fine al suo progetto musicale. Questo incontro non era avvenuto per caso: Kristian era stato chiamato da un suo vicino di casa per sostituirlo, costui era Olve Eikemo, più tardi universalmente conosciuto come Abbath, bassista e cantante degli Immortal che lasciò gli Old Funeral per fondare il gruppo.


Kristian ad un certo punto decise di dedicarsi prioritariamente al suo vecchio progetto Uruk-Hai, che non aveva mai abbandonato completamente (almeno teoricamente), ribattezzandolo Burzum. Questa scelta, apparentemente azzardata (gli Old Funeral, sebbene underground, si erano fatti conoscere in giro ed erano un gruppo avviato) era dettata dalla necessità di poter dare fondo alla sua ispirazione senza doversi consultare o accordare con altri musicisti.


Alla corte del Principe della Morte ( un nome che è tutto un programma....)
Euronymous, leader e chitarrista dei Mayhem godeva a quei tempi della nomea di individuo malvagio, dedito all'occultismo e al satanismo, moltissimi teenager norvegesi erano affascinati da lui, alcuni al limite dell'adorazione, ammaliati dalla sua notevole abilità oratoria e dal suo forte carisma; Kristian iniziò una fitta corrispondenza con lui, spinto anche dal fatto che Euronymous possedesse una propria etichetta discografica indipendente specializzata in musica estrema, la Deathlike Silence Productions; all'inizio del 1991 Kristian aveva già pronti due demo e glieli spedì.

Entusiasta del lavoro Euronymous invitò il giovanissimo Vikernes a Oslo proponendogli di metterlo sotto contratto. Di lì a poco il personaggio di Euronymous fece presa su Kristian, impressionato dalla sua personalità e dai suoi proclami apocalittici riguardo la guerra contro i cristiani. Il fondatore dei Mayhem, però, era considerato tanto bravo a parole quanto incapace a fatti; questo porterà successivamente Vikernes a riconsiderare la sua posizione e sarà determinante per capire l'evoluzione dei fatti.

Bergen e Oslo (dove risiedeva Euronymous e dove era concentrata la scena black metal norvegese) erano separate da troppe ore di viaggio per cui Kristian decise di soggiornare saltuariamente nel retrobottega del negozio che Euronymous aveva appena aperto, l'Helvete (Inferno in norvegese). Il periodo passato presso l'Helvete (dove divideva la stanza con Tomas Haugen, più tardi conosciuto come Samoth degli Emperor), segnò l'inizio dei misfatti compiuti dai frequentatori del negozio, identificatisi come Inner Circle o, in norvegese, svarte sirkel.

Tra di essi, che si riunivano nei locali nel retro della struttura, Vikernes era il fautore principale (principalmente roghi di chiese e dissacrazioni di cimiteri) degli atti che saranno poi identificati dalla stampa (anche internazionale) come "Black Metal Mafia". Il rogo delle chiese, viste come luoghi odiati dai satanisti della setta, divenne per Vikernes un atto perfettamente legittimo, in quanto (secondo le sue idee) esse erano state erette dopo la distruzione degli antichi templi pagani ed erano il simbolo del cristianesimo che aveva estirpato l'antica religione dei vichinghi.


La popolarità
La prima uscita ufficiale dei Burzum, consistette nella pubblicazione dell'omonimo album, rilasciato nel maggio 1992.

Il disco, prodotto da Euronymous e Eirik Hundvin, ebbe un discreto successo. Questo successo, unito alla crescente fama di Varg (dovuta anche ai numerosi episodi di cronaca) cominciò ad inquietare il leader dei Mayhem che vedeva la sua posizione di leader della scena estrema norvegese insidiata dal suo "discepolo", che diveniva sempre più celebre (fu in questo periodo che adottò il nome d'arte di Count Grishnackh).

Fu proprio in virtù di questa sua preoccupazione che Euronymous cominciò a temporeggiare riguardo alla pubblicazione del successore del debut album; Varg, infatti, tre mesi dopo l'uscita di Burzum aveva già materiale sufficiente per pubblicare un seguito; Euronymous, adducendo come motivo la scarsità del denaro a disposizione della Deathlike Silence Productions, lo spinse a registrare un EP (Aske), meno lungo e oneroso di un album intero. Questo fu l'inizio del deterioramento dei rapporti tra i due.

In compenso Euronymous propose a Varg di suonare il basso nell'attesissimo nuovo album dei Mayhem, quello che sarebbe poi diventato uno dei più seminali album black metal della storia: De Mysteriis Dom Sathanas. Suonare nei Mayhem era la massima aspirazione di qualunque blackster norvegese del periodo quindi non desta stupore che un simile incarico rabbonì Vikernes; tale espediente si rivelò però decisamente effimero: Euronymous trovò i soldi per pubblicare altri lavori e tale avvenimento contribuì a peggiorare ulteriormente i rapporti tra i due.


Alle prime ore del 6 giugno 1992 (Vikernes indica le tre) la Stavkirke di Fantoft, capolavoro architettonico norvegese, fu data alle fiamme e venne interamente distrutta nel giro di poche ore, l'unica cosa che si salvarono furono le travi portanti; la foto dello scheletro della chiesa diventerà la copertina di Aske; questo fu l'inizio di un'impressionante catena di incendi che si scatenò nei mesi a venire e coinvolse decine di chiese, causando in un'occasione la morte di un pompiere.(SECONDO VOI CHI è STATO??? BURZUM NO DI CERTO....)

La matrice dolosa dell'incendio fu subito palese per le autorità, le quali però non avevano idea su chi potesse essere il colpevole; dal suo canto Varg Vikernes, orgoglioso dei suoi atti e incurante di essere discreto, si vantò in giro dell'accaduto al punto tale da rilasciare un'intervista il 20 gennaio 1993 rivelante particolari sul rogo di Fantoft noti solo alle forze dell'ordine, attirandosi la polizia.( I reato)

La susseguente perquisizione a casa di Vikernes portò alla scoperta di materiale sospetto e al suo arresto ma verrà scarcerato sei settimane dopo per mancanza di prove definitive; la sua breve detenzione ebbe come effetto un vertiginoso aumento della popolarità, la quale ormai intaccava fortemente l'immagine di Euronymous.

A questo punto i rapporti tra i due, già notevolmente incrinati, cominciarono a divenire sempre più conflittuali: la situazione era ulteriormente esacerbata dal lassismo di Euronymous nei confronti dei Burzum, Varg infatti aveva registrato nuovo materiale e intendeva pubblicarlo, inoltre stava ancora aspettando la restituzione dei soldi con cui aveva finanziato i suoi primi due lavori; a questo punto Vikernes stava pensando seriamente di pubblicare il seguito di Aske (Det som engang var) sotto la propria etichetta, la Cymophane.


L'omicidio di Euronymous ( non vedevate l' ora eeee???)
Euronymous, che voleva trattenere i Burzum sotto la propria etichetta, mandò una copia del contratto già firmato a Vikernes, per farlo tornare sui propri passi. Varg, che aveva avuto sentore del fatto che costui avesse intenzione di ucciderlo utilizzando come pretesto proprio la firma del contratto (riferì in seguito che alcune persone vicine al chitarrista dei Mayhem gli avevano rivelato che costui volesse rapirlo, condurlo in un luogo isolato e torturarlo a morte mentre filmava l'avvenimento), volle prendere la cosa di petto e decise di recarsi a parlare a casa di Euronymous

.Non è mai stato appurato se le intenzioni di Aarseth fossero veritiere o più probabilmente (visto il suo carattere) si trattasse di mere sbruffonate. Anche il gesto di Vikernes è poco chiaro: egli dichiarò che non era partito da Bergen con l'intenzione di uccidere Euronymous e le armi che si era portato dietro (tre coltelli addosso, più una mazza da baseball, una baionetta ed un'ascia nell'auto)( pacifista...) fossero solo uno scrupolo personale per la sua sicurezza; non si capisce però per quale motivo avrebbe dovuto crearsi un alibi coinvolgendo altre persone e farsi portare (nascondendosi nei sedili posteriori) da Blackthorn a casa di Euronymous in piena notte.

Non molto chiara è anche la dinamica dell'omicidio. Vikernes dichiarò che dopo aver domandato "Perché vuoi uccidermi?" a Euronymous, quest'ultimo lo aggredì sferrandogli un calcio al petto ricevendo indietro uno spintone dopo di che partì di corsa verso la cucina presumibilmente per armarsi, al che Vikernes gli piantò il coltello nella schiena; a questo punto Euronymous cercò di scappare per le scale, suonando disperatamente i campanelli dei vicini e urlando aiuto, con Varg dietro che lo accoltellava (anche se questi ha dichiarato che gran parte delle ferite ritrovate sul corpo della vittima furono frutto di una caduta sopra i cocci di una lampada durante lo scontro). Ormai sul punto di morte, Euronymous rimase a terra e Varg gli inflisse l'ultima coltellata al cranio; dopo di che Vikernes fuggì e al fine di eliminare le prove a suo carico gettò gli indumenti lordi di sangue in un lago.

Il cadavere di Euronymous fu trovato la mattina seguente e gli indizi (sembra che avesse dimenticato sul luogo del delitto il contratto e non avesse usato guanti, anche se Vikernes nega decisamente tutto questo), uniti alle testimonianze degli appartenenti alla scena estrema torchiati da lunghi interrogatori della polizia, portarono all'arresto di Varg Vikernes, il quale, riconosciuto colpevole dell'omicidio (egli sostenne sempre che si trattò di autodifesa) e di tre incendi nonché considerato perfettamente sano di mente, venne condannato a ventun anni di carcere (il massimo della pena in Norvegia). Poco prima della sua condanna era uscito il secondo album dei Burzum, Det som engang var.


Dietro le sbarre
A differenza di quanto si possa credere l'incarceramento di Varg Vikernes non portò alla fine di Burzum, Vikernes al momento del suo arresto aveva già inciso abbastanza materiale, il problema risiedeva nel fatto che nessuno era disponibile a pubblicare il disco di un assassino. A peggiorare le cose aveva rilasciato anche delle dichiarazioni considerate molto vicine al nazismo, precludendosi in questa maniera l'appoggio di altre etichette; inoltre a causa dei processi era impossibilitato ad ovviare al problema pubblicando i propri lavori con la sua etichetta personale, la Cymophane.



Nel frattempo Vikernes in carcere si diede alla lettura interessandosi di tematiche come la mitologia nordica e il nazismo; preoccupatosi di diffondere le sue idee pubblicò persino un libro, il Vargsmål dove divulga le sue idee sulla sua vita, la separazione razziale, il paganesimo, la politica. Sfortunatamente per lui, però, le autorità norvegesi, probabilmente impensierite dalle sue intenzioni ben poco politicamente corrette (all'inizio della detenzione aveva pensato di creare un movimento politico di matrice nazionalista chiamato Norsk Hedensk Undemokratisk Front, sullo stile di quello tedesco chiamato Germanic Heathen Front), decisero a un certo punto di proibirgli l'uso del computer e il libro dovette essere concluso sbrigativamente, rendendo gli ultimi capitoli piuttosto frettolosi e abbozzati rispetto al resto del tomo; in tutti i casi il Vargsmål, una volta pubblicato, andò incontro a seri problemi di distribuzione.



Il 26 luglio 2003 Varg Vikernes non si è presentato in carcere dopo un permesso ed è stato catturato il giorno seguente in autostrada nei pressi di Oslo alla guida di un'auto sequestrata sotto minaccia armata ad una famiglia. Secondo alcune indiscrezioni nell'automobile Vikernes aveva allestito un vero e proprio arsenale contenente un fucile a pompa, travestimenti, una maschera anti gas, alcuni coltelli, un computer, un navigatore satellitare e alcune carte di creditoNon è da escludere che il cosiddetto arsenale sia stato ingigantito dai media, inoltre Vikernes nega di aver minacciato i possessori dell'auto con un'arma; sta di fatto che sicuramente qualcuno deve averlo aiutato per procurarsi certi oggetti, qualunque ne sia la quantità.

Vikernes ha dichiarato di aver voluto dirigersi in Svezia (alcune voci parlano addirittura di una sua intenzione di arruolarsi nella legione straniera) e di essere fuggito dal carcere in quanto qualcuno tramava di ucciderlo; tuttavia quando è stato catturato era sulla strada del ritorno in quanto convinto a desistere da sua madre. Dopo questa fuga la sua scarcerazione, prevista per il 2006, è stata procrastinata al 2008. Secondo quanto ha riportato il quotidiano norvegese Nordlys in data 1 giugno 2008, la scarcerazione è stata rifiutata e Vikernes è ricorso in appello. L'articolo riporta anche che Vikernes si è recentemente sposato ed è padre di un bambino.(beato lui...)XDXDXDXDDX
per restare in tema di reati...i cure sono stati arrestati per divieto di balneazione....XDXDXDXDXDXD
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
checco finanza



Messaggi : 5
Data d'iscrizione : 15.10.08

MessaggioTitolo: Re: STORIA DI BURZUM   Gio Ott 16, 2008 8:20 pm

nulla da dire...cercherò il Vargsmal..il bello è che si chiama pure Kristian!Delirio totale!concordo totalmente su toddy e bertola.I cure meritavano i 21 di carcere con Varg!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
polly wants a cracker
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 13.10.08
Età : 28
Località : villaggio

MessaggioTitolo: Re: STORIA DI BURZUM   Ven Ott 17, 2008 5:29 pm

che papiro!!

_________________
You Know Where You Are???You're In the Jungle Babe!!!You Gonna Diiie!!!!!

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://rocknrollmusicforum.forumattivo.com/
Chain
Admin
avatar

Messaggi : 94
Data d'iscrizione : 10.10.08
Età : 29
Località : Zermeghedo

MessaggioTitolo: Re: STORIA DI BURZUM   Ven Ott 17, 2008 5:44 pm

checco finanza ha scritto:
concordo totalmente su toddy e bertola.

SeSe..... Twisted Evil Peccato che il bertola domini!!!!!!!XD in una gara de assoli ve magno come patatine e mi faccio pure la barba da patatine!!!muhahahahaha Evil or Very Mad Twisted Evil Razz Laughing

_________________
Officially he's called Jack Daniel's 0ld n°7 Brand Sour Mash,Quality Tennesse Wiskey,but can call him Jack!!!!!



You Know Where You Are???...You're in the Jungle Babe!!!You Gonna Diiie!!!!!!!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://rocknrollmusicforum.forumattivo.com
polly wants a cracker
Admin
avatar

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 13.10.08
Età : 28
Località : villaggio

MessaggioTitolo: Re: STORIA DI BURZUM   Ven Ott 17, 2008 5:45 pm

no i baffi cm giorgio

_________________
You Know Where You Are???You're In the Jungle Babe!!!You Gonna Diiie!!!!!

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://rocknrollmusicforum.forumattivo.com/
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: STORIA DI BURZUM   

Torna in alto Andare in basso
 
STORIA DI BURZUM
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rock'n Roll Site!!!!!! :: Rock Bands :: Metal Bands-
Vai verso: